La nostra Storia

Sicurezza europea, sviluppo, migrazioni, agenda europea: negli anni il CeSPI ha saputo anticipare temi divenuti centrali nelle relazioni internazionali, sempre puntando a contribuire al dibattito pubblico sulla politica estera italiana.

1978_berlinguer.jpg

1978

Fondazione del CeSPI - Centro Studi di Politica Internazionale

Nasce il CeSPI, per volontà di Enrico Berlinguer, con la missione di contribuire al rinnovamento della cultura e della visione internazionale del Partito Comunista Italiano, con un focus specifico sui temi della sicurezza europea.

logo_cespi_1985.jpg

1985

Il CeSPI diventa Associazione indipendente e non profit

Su impulso di varie personalità della politica e della cultura (tra cui il Presidente emerito della Repubblica Giorgio Napolitano), il CeSPI diventa Associazione indipendente e senza fini di lucro, entrando anche per la prima volta nella tabella degli Enti internazionalisti riconosciuti dal Ministero degli Esteri. Il focus della ricerca si amplia includendo i temi dello sviluppo.

1993_castelgandolfo.jpg

1993

1° Castelgandolfo Colloquium on Transatlantic Affairs

Inizia la serie dei "Colloquia" che in dieci edizioni, fino al 2004, hanno costituito la sede di confronto - sia pubblico, sia riservato - tra eminenti studiosi e politici europei e americani sui nodi strategici dell’agenda transatlantica

 

Logo_Cespi_2000.jpg

2000

1° Foro Italia-America Latina sulle PMI

Il Foro si è sviluppato in due edizioni, la prima a Verona nel 2000, la seconda a Guadalajara in Messico nel 2002, ed hanno rappresentato un'opportunità per lo scambio di buone pratiche tra Italia e America Latina sui temi della promozione delle Piccole e Medie Imprese.

OIFM_logo_2004.jpg

2004

Migranti e inclusione finanziaria

Inizia la collaborazione tra il CeSPI e l'ABI (Associazione Bancaria Italiana) sui temi dell’inclusione finanziaria dei migranti, condizione necessaria per favorirne l’integrazione sociale e lavorativa. Le ricerche analizzano sia l'offerta, sia la domanda di servizi e prodotti finanziari da parte dei migranti.
Da questa attività nasce, nel 2012, l'Osservatorio sull'Inclusione Finanziaria dei Migranti in Italia, prodotto dalla collaborazione tra Ministero dell’Interno e ABI e realizzato dal CeSPI grazie a finanziamenti dell’UE. L’Osservatorio è uno strumento di analisi e monitoraggio costante e organico del fenomeno dell’inclusione finanziaria dei migranti in Italia, ed è tuttora in corso.

Europa_2005.jpg

2005

Rapporto sull'integrazione europea

Inizia la pubblicazione dei "Rapporti annuali sull’integrazione europea", curati dal CeSPI e dalla Fondazione Istituto Gramsci fino al 2011. I Rapporti raccolgono le riflessioni dei due Centri sui capitoli del processo di integrazione: istituzioni e soggetti politici, economia, allargamento, lo spazio di libertà, sicurezza e giustizia, la politica estera e di sicurezza e l’azione esterna dell’UE.

ricerca_cespi_sid_2006.png

2006

Migrazioni e sviluppo. Sfide e opportunità per le relazioni euro-africane

Conferenza internazionale organizzata da CeSPI e SID, sotto l’Alto patrocinio del Presidente della Repubblica, in collaborazione con il Ministero degli Esteri e la Cooperazione italiana. All’evento, che conclude un progetto di ricerca CeSPI-SID, partecipano esperti ed esponenti politici italiani ed africani.

Unicri_2008.jpg

2008

Operare nelle crisi. La cooperazione multilaterale nelle crisi internazionali

Inizia il progetto CeSPI-UNICRI volto a monitorare l’evoluzione di quattro crisi internazionali – Afghanistan, Darfur, Libano e Somalia – in cui anche l’Italia è impegnata. Il progetto analizza inoltre le iniziative di peacekeeping e ricostruzione messe in campo dalla comunità internazionale valutandone l’efficacia. Il monitoraggio è affidato al Crisis Monitoring Group (CMG), panel di esperti e ricercatori, italiani e internazionali.

Logo_opi_2008.jpg

2008

Osservatorio di Politica Internazionale

Il CeSPI, insieme con altri primari think-tank italiani quali IAI, ISPI e CESI, viene selezionato dalla Camera dei Deputati, dal Senato e dal Ministero degli Affari Esteri per la fornitura di consulenza qualificata sui principali eventi e tendenze degli scenari internazionali e sulle tematiche di interesse per la politica estera dell’Italia. Negli anni, la consulenza del CeSPI si è concentrata sui temi delle migrazioni - attraverso la pubblicazione di un Focus trimestrale - e sui temi dello sviluppo e del cambiamento climatico.

africa_climate_change_2009_3.jpg

2009

Cambiamenti climatici e migrazioni in Africa. Dialogo per una cooperazione strategica italo-africana

Conferenza internazionale organizzata dal CeSPI e dal Ministero degli Affari Esteri nell’ambito della Presidenza italiana del G8, a conclusione di un progetto di ricerca. L’evento affronta il nesso tra vulnerabilità ambientali, migrazioni, pace e stabilità, e le implicazioni dei cambiamenti climatici per la mobilità umana in Africa.

Mandaisoldiacasa_2011.png

2011

mandasoldiacasa.it

Avvio del sito che rileva, analizza e pubblica i dati relativi ai costi d’invio delle rimesse riferito a 14 corridoi. Il sito web, certificato da Banca Mondiale e promosso dalla Cooperazione italiana con il sostegno di Banca d’Italia, si propone di contribuire al raggiungimento dell’obiettivo 5*5 dell’Agenda G20: ridurre il costo delle rimesse al 5% in 5 anni. Il sito facilita le rimesse dei migranti ai paesi d’origine, fattore cruciale di sviluppo, accrescendone la trasparenza delle transazioni.

Diaspora_2015.jpg

2015

Italia-Africa, il ruolo della Diaspora

Convegno Internazionale organizzato assieme al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale nel quadro della Conferenza Africa-Italia, volto a favorire la partecipazione della diaspora africana per valorizzarne il contributo di riflessione e proposte. L'evento ha coinvolto esponenti della diaspora in un percorso di analisi e confronto sui rapporti dell’Italia con il continente africano in diversi ambiti: economia, cooperazione, gestione dei flussi migratori, rapporti politici.

fassino_targa_presidente_napolitano.jpg

2017

Percoso di rilancio del CeSPI

Inizia il percorso di rilancio del CeSPI con la conferenza “L'Italia, l'Europa e il comune destino mediterraneo”, cui partecipano il Presidente Emerito Giorgio Napolitano, il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Angelino Alfano e la Presidente della RAI Monica Maggioni. Si intensifica la costruzione di nuove partnership e viene elaborata una nuova strategia di comunicazione.

logo_scuola_dottorale_0.jpglogo_mondopoli_def.jpg

2018

Mondòpoli - Scuola Dottorale Internazionale sugli Obiettivi di sviluppo sostenibile

La nuova, importante tappa del rilancio del Centro è il trasloco nella nuova sede, che viene inaugurata con la Lectio Magistralis del Presidente Romano Prodi Africa: La sfida del XXI secolo. Viene varato il portale di geopolitica ed economia internazionale Mondòpoli – Sguardi sul mondo e prende avvio la Scuola Dottorale Internazionale sugli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

copertina_annuario_cespi.jpg

 

 

2018

Partnership con Donzelli Editore

Esce il primo Annuario CeSPI, frutto del rilancio editoriale del Centro in partnership con Donzelli Editore sulla base di un piano che comprende la collana Quaderni CeSPI e altri volumi e una linea editoriale dedicata sul portale di Donzelli.

osservatorio_turchia.png

 

 

2019

Sistema degli Osservatori

Si sviluppa il sistema degli Osservatori, che vuole analizzare e monitorare le dinamiche che investono nazioni e continenti e alcune delle principali issues globali. Oltre allo storico Osservatorio sull’inclusione finanziaria dei migranti in Italia, partono l’Osservatorio Turchia, l’Osservatorio Mediterraneo-Medio Oriente, l’Osservatorio Diritti Umani e l’Osservatorio sui Minori Stranieri non accompagnati (MSNA). Si intensifica l’attività convegnistica.

logo_02_osservatorio_covid-19.png

 

 

2020

Osservatorio Covid-19

Di fronte alla crisi sanitaria che rallenta numerosi progetti impedendo le missioni all’estero, il CeSPI cambia l’organizzazione del lavoro. Si moltiplicano i webinar che coinvolgono esperti e partner internazionali e viene varato, con grande successo, l’Osservatorio Covid-19, che offre un’analisi comparata a livello internazionale sulla diffusione della pandemia e sulle cause di minore o maggiore diffusione, come anche sull’efficacia delle diverse misure politiche adottate.